SEMPLICITÀ
DC – Ogni linea può determinare un senso, crea un volume definisce un oggetto. Il tuo lavoro mi appare di una semplicità estrema, eppure lo trovo efficace e di grande ricchezza visiva, con poche linee riesci a dare forza all’immagine, a renderla efficace ed espressiva. Lavori quasi sempre con il bianco e nero…
AB – Io trovo che il bianco e nero sia una forma di astrazione, a differenza del colore che cerca di dare un senso del reale. I colori distraggono. I colori spesso non danno l’idea di dove finisce una cosa e ne inizia un’altra. Pensa ad una foto ingrandita al computer fino a vedere i pixel. Le linee invece delimitano e creano perimetri. Decidono dove finisce un corpo e dove inizia uno sfondo. Con una linea si può definire uno spazio. Da una parte il corpo e dall’altra uno spazio vuoto, un mucchio di foglie o altro. Il bianco e nero è perfetto per raccontare delle storie. Le storie raccontano e creano suggestioni.

SUGGESTIONI
DC – Questa parola stranamente si collega poi a quanto ti chiedo alla fine, mi piace che tu non riesca a definirti bene in un ruolo, ma che riesca molto bene a spiegare ciò che ti colpisce, a inquadrare il tuo lavoro in un flusso di idee che offre continui spunti.
AB – Il mio lavoro è trovare suggestioni, io pensavo che a un certo punto finissero, poi mi sono reso conto che sono nella tua testa, basta soltanto conservarle. Quando faccio lezione all’accademia chiedo ai ragazzi di pensare e annotare ciò che gli succede, molti non comprendono cosa stia chiedendo e magari mi fanno il diario della giornata, ma ogni tanto qualcosa di buono viene fuori, e qualcuno comincia a notare dei dettagli del mondo e a lavorarci su. Spesso sono forzature, ma aiutano la creatività. Ognuno ha un modo per identificare un sentimento e associargli un’immagine per somiglianza o soltanto per analogia. La creatività mette tutto insieme e le suggestioni raccontano meglio le cose perché non le dicono, te le suggeriscono. È qualcosa di non detto a cui ci arrivi, se vuoi, da solo. Notare dettagli del mondo ti permette di dire una cosa da un punto di vista inedito.

SOTTOTESTO
DC – Mi affascina il fatto che guardando un film, leggendo un libro o un fumetto si possano scoprire più piani di lettura, c’è la linea narrativa principale ma poi ci sono cose che se non le noti non succede nulla, ma se riesci a farti colpire da loro il divertimento ti aumenta. Quello che dici tu sopra mi ricorda questo. Cercare i sottotesti nelle cose che accadono trovo sia un’operazione estremamente stimolante.
AB – O leggi le cose per come te le dicono o le interpreti e ti si aprono altri mondi e altre prospettive. Ho questa fissa del mio cognome al telefono: ogni volta che lo dico penso sempre che dall’altra parte non si capisca, dato che non riescono a vedere la mia parola in un balloon fermo a mezzaria sopra di me. Alle volte infatti mi chiedono se è con due “R” oppure se inizia con la “M”. Oppure quando ascolto delle canzoni inglesi penso di capire il senso di una frase quando poi vuol dire qualcos’altro. Credo che dipenda dalla distrazione, che di per se è l’unica, forse, forma di distacco dalla realtà che ci hanno lasciato. Sei davanti al tuo computer tutto il giorno e poi improvvisamente un rumore riesce a distrarti e a guardare nel cielo il passaggio di un aereo. Poi bisogna trovare un modo per non dire troppo e bene una cosa altrimenti si impedisce la curiosità. Ad esempio un mio amico dopo aver letto Le ragazze dello studio di Munari, mi ha detto di essere andato a comprare un suo libro. Mi ha fatto piacere perché significa che ha percepito che c’era dell’altro che volevo comunicare con la mia storia a fumetti.

Suggestioni
DC – Palombella rossa di Nanni Moretti, Dottor Slump e Arale di Akira Toriyama, Mitsuru Adachi, Servi della gleba di Elio e le storie tese, 100 anni di solitudine di Gabriel Garcia Marquez, Zenone di Elea
AB – Nicoletta Ceccoli, South park, la musica de I cani, Deserto rosso di Michelangelo Antonioni, Il dormiglione di Woody Allen, Bakuman, Beverly Hills 90210, Mario Bros, Twin peaks, la musica dei Massimo volume, I wanna be adored degli Stone roses, Video Uccelli del paradiso http://www.youtube.com/watch?v=e4NNKPdERBQ

Lascia un Commento

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo Email:

Video
Area Stampa
Sfoglia i cataloghi