Il mondo é stato fatto per l’ uomo, e non l’ uomo per il mondo_ Io e Armando Fanelli

Il pensiero e la sua distorsione onirica e discussione dialettica. Dentro nei gesti, dentro nel linguaggio, dentro nella percezione, dentro nell’ alterazione e nell’inversione. A scomporre la realtà, ad abitarla trasversalmente.

LINGUAGGIO
Simonetta, La mia area semantica: parola, discorso, viaggio, stratificazione, senso e smarrimento del senso, racconto

Armando, La tua area semantica:
Indossiamo le nostre vite, con lo specifico intento di raccontarcele, nel caffè, per strada, in chat, al telefono. Scambi continui di informazioni, che toccano le nostre esistenze stratificandosi. Entriamo a contatto con gli altri e qualcosa resta. Condannati a una sola chance con scadenza, inseguiamo le verità che ci rappresentano.
Ci sono parole che fanno male, altre che ci innamorano , altre che di sensi ne hanno infiniti. Imparare ad usarle , dosarle per riempire le nostre discussioni di autenticità è ciò che ci è concesso. Un rapporto vero è fatto anche di silenzi, pregiati, ma non potrebbe esistere senza una conoscenza fatta di parole. La percezione sensoriale respira attraverso il linguaggio, che ci distingue e accomuna. Sarebbe bello parlare tutti la stessa lingua, nonostante le diversità etniche e culturali, potremmo sentirci parte dello stesso mistero.

NATURA
S., La mia area semantica: contaminazione, incontrollabilità, sovversione, fragilità,
Deriva dal latino natura, participio futuro del verbo nasci (nascere) e letteralmente significa “ciò che sta per nascere”. Participio futuro… è un tempo del verbo che è scomparso nell’italiano corrente…
Participio è qualcosa che partecipa di altro diverso da sé: partecipa dell’essere verbo, sostantivo e aggettivo; è un modo ibrido, incompiuto, che nella lingua italiana contemporanea si rende solo con una perifrasi di parole.
-Quand’è che il futuro è passato da essere una promessa a essere una minaccia? (C. PalanhiuK, Invisibles monsters)
-Forse sentiamo solo la mancanza delle cose perdute, o la speranza in quelle che vogliamo che succedano ( J.S. Foer, Troppo forte, incredibilmente vicino)

A., La tua area semantica:
Credo che l’uomo si sia perso, abbia esplorato in tondo fino a perdere la bussola dell’orientamento. Una volta misurate tutte le distanze sembra aver deciso di prenderne dal suo habitat compromettendone la sorte. Il progresso, la scienza e la tecnologia ci stanno tabulando la realtà eppure sappiamo di vivere in un miracolo di perfezione. E’ assurdo riconoscere la bellezza nella natura identificandoci in una natura altra, quella umana, distinta dall’universo. Ci identifichiamo in esseri pensanti senza riuscire a pensare preventivamente. L’origine della nostra vita,eterno dibattito tra scienza e fede, ci lascia incerti e nell’incertezza crediamo di poter sbagliare. Non possiamo continuare così. Quale che sia la verità del nostro passato, oggi dobbiamo preoccuparci del futuro. Il rispetto per il mistero dovrebbe guidarci verso un iter sano, in cui la nostra sopravvivenza come specie dipende dalla sopravvivenza del pianeta. Spero in un forte e unanime risveglio delle coscienze, dove si riesca a dare il giusto valore alla vita, non quantificabile certo in danaro o potere.

ARMANDO , per una chiusura aperta del nostro dialogo, lasciami una frase che dia titolo al nostro tentativo di dilatazione delle percezione, al nostro ragionare per parole-chiave, a rendere conto di un progettare che diventa fare:
Il mondo é stato fatto per l’ uomo, e non l’ uomo per il mondo.(F.Bacone)

Perché, Armando, hai bisogno dell’arte?
Mi piacerebbe dire che non sono io che ho bisogno dell’arte ma che è l’arte ad aver bisogno di me.
La verità è che mi sento vivo nella fase creativa, sfolgorante in quella produttiva, e non ho più bisogno di cercarmi, tutti i misteri si dissolvono, i dubbi retrocedono, le paure si disperdono, tutto viene riposto nell’opera, concentrato affinche esista, viva per raggiungere il mondo Voglio continuare a meravigliarmi, a scoprire, per riempirmi di tutta la bellezza che c’è.


Simonetta Angelini

Lascia un Commento

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo Email:

Video
Area Stampa
Sfoglia i cataloghi